(articolo letto 3.296 volte)

Agrigento quest’anno ha vissuto alcuni avvenimenti straordinari che hanno riportato nei luoghi propri il mito e la filosofia di Empedocle di cui poco o quasi niente si era parlato negli ultimi decenni, se si eccettua il monumento eretto in una piazza agrigentina ad opera degli scultori Disma Tuminello e Nino Contino.

Il primo grande avvenimento è la mostra di sculture in bronzo del grande scultore americano Greg Wyatt (bio in inglese) “EMPEDOCLES” che si svolge al museo archeologico di Agrigento.

Di seguito il video della puntata, dello speciale “Un libro per amico” che va in onda su Tele Video Agrigento,  dedicata  a Greg Wyatt con una mia intervista all’artista ed al Direttore del Museo, Castellana. Durata 30′

Vedi tutte le Video Interviste di Un Libro per Amico trasmesse da TVA caricate sul Blog

La scultore statunitense, venuto ad Agrigento, si è innamorato dei luoghi mitici della nostra valle, è stato catturato dal pensiero di Empedocle e ha deciso di donare al Museo quattro statue bronzee di dimensioni naturali che rappresentano i quattro elementi costitutivi dell’universo. Le sculture giganteggiano nel giardino antistante il Museo e lì resteranno, mentre dentro il Museo, dove saranno esposte fino al 10 dicembre, lo scultore espone altre opere sempre ispirate dal pensiero di Empedolce.

E il visitatore che viene da lontano per vedere i resti dell’antica civiltà greca, rimane rapito da queste opere di Wyatt che bene interpretano il pensiero del filosofo agrigentino. Guardando le statue ci sembra di vedere tronchi di olivi saraceni avvolti da un fuoco che non brucia ma dà vita, l’acqua, l’aria, la terra che si uniscono e si dividono per dare, con amore e odio, vita o morte o meglio aggregazione e disaggregazione.

Greg Wyatt, che ha il suo atelier nella Cattedrale di St John the divine di New Jork dove è collocata l’opera monumentale “Peace Fountain”, ha saputo stregare gli agrigentini e i visitatori dei luoghi dell’antica Akragante.

greg wiatt empedocles museo

Il catalogo delle opere esposte al Museo di Agrigento sarà presentato il giorno due Dicembre di quest’anno alla presenza dello stesso sculture americano Greg Wyatt che viene appositamente ad Agrigento.

La cerimonia la cui rilevanza è certamente molto importante avrà la presenza dell’orchestra sinfonica di Palermo con la Direzione del maestro Massimo Onofrio Claudio Gallina

L’altro avvenimento di livello internazionale è stato il convegno “Empedocle dal suo al nostro tempo. Aspetti filosofici, storici, etici, poetici”, organizzato presso il Museo Archeologico dal Prof. Alfonso Maurizio Iacono, Preside della facoltà di Lettere e Filosofia, nella qualità di neo Presidente dell’Accademia di Studi Mediterranei (nomina che ci riesce incomprensibile ).

I nomi che hanno trattato i vari aspetti del pensiero di Empedocle sono di rilievo sicuramente internazionale. Oltre al Preside Iacono che ha parlato di “Empedocle tra retorica e democrazia”, sono stati presenti il Prof. Giuliano Campioni che ha parlato di “L’Empedocle di Friedrich Nietzsche”, la Professoressa Maria Michela Sassi che ha trattato il tema “Empedocle -il centauro: poeta-mago e/o scienziato?”, il Prof. Francesco Fronterotta che ha parlato di “Empedocle, i Presocratici e Nietzsche”.

Il Prof. Piermarco De Santi ha parlato del “Empedocle nel cinema di Straub” e il Prof. Tommaso Cavallo ha trattato il tema “ -Hier oben ist ein neues Vaterland- Politica e mitologia della ragione- nell’Empedocle di Friedrich Holderlin.

Il convegno è stato chiuso dal Dr. Settimio Biondi che ha parlato di “Empedocle nella storia di Agrigento”.

Dai nomi e dai temi si capisce chiaramente che Empedocle è stato sviscerato sotto tutti gli aspetti e ci si è resi conto che la vera fortuna Empedocle l’ha fatto in Germania dove le sue idee sono stati oggetti di studi profondi, di opere teatrali e cinematografiche.

I pochi fortunati che hanno potuto assistere a questo evento sono certamente usciti più ricchi e sono stati spinti a riflettere maggiormente sulla cultura greca che è la radice principale del nostro essere.

Agrigento,lì 20.11.2008 Gaspare Agnello

p.s. Le foto di Empedocle e di Wyatt si possono trarre da Internet