(articolo letto 1.586 volte)

E’ arrivato sulla nostra scrivania uno strano libro di Alessandro Ferrara “SIGMAART” edito dalla casa editrice ‘La caravella’.

Libro strano perché non è un romanzo, né un libro di racconti o di poesie, ma un trattato su una nuova scienza o su una nuova religione.

Sigmaart di Alessandro Ferrara

Alessandro Ferrara, sotto la guida di Nello Mangiameli, si dedica agli emarginati, ai diversamenti abili, ai bambini ammalati, ai carcerati, agli extra comunitari che vivono nei centri di accoglienza e lo fa con l’arte.

L’arte di Nello Mangiameli e di Alessandro Ferrara è la Sigma-Art che vuole essere  una forma di arte- conoscenza che si basa su l’AUTOPOIETICA che indica ‘la facoltà creativa, di creazione continua, presente nell’io- psiche, che può manifestarsi in ogni azione’.

In termini più semplici i due inventori di questa scienza diventano attori, giullari, giocolieri e, attraverso la gelontologia, o meglio l’autoironia, cercano di far vivere ai loro spettatori-Diversi- momenti di gioia e di condivisione.

Quindi attraverso un gioco libero, spontaneo i due artisti riescono a esibirsi anche in reparti di oncologia pediatrica, riuscendo a strappare un sorriso a bambini che non avrebbero tanta voglia di divertirsi.

La terminologia usata in questa scienza e, quindi, dal nostro autore può anche disorientare, però a un’attenta lettura del libro ci si accorge che ci troviamo dinanzi a un progetto nobile e di grande impegno artistico e culturale.

La pratica auto poietica impone una profonda dedizione perché l’attore non deve recitare una parte assegnataglia, ma deve entrare interamente nel mondo dello spettatore, per coinvolgerlo totalmente e farlo diventare attore protagonista dello spettacolo.

E’ l’arte del giullare, del pagliaccio del circo, l’arte della musica e del suono che ammalia i serpenti e risveglia i morti.

E la tecnica della gelontologia ovvero del riso assume importanza primaria.

Insomma l’attore, attraverso l’arte, il suo spogliarsi e l’entrare nel mondo di persone particolarmente svantaggiate, svolge una grande azione sociale di riabilitazione, di educazione, di terapia del dolore e della sofferenza.

E’ difficile spiegare le tecniche ilustrate da Alessandro Ferrara e spiegare il senso della Sigma-Art: per capire il libro bisogna leggerlo interamente ed essere predisposti al bene, al donarsi, alla SPERANZA di cui parla Papa Francesco.

Si leggono romanzi, storie, ma è bello, ogni tanto, entrare in mondi diversi che sembra non ci appartengano ma che invece fanno parte di questo mondo molto spesso malato e che ha bisogno di sorridere e di sperare.

Acquista il libro >

Agrigento, lì 25.3.2013

Gaspare Agnello